Grazie

Una sera di pochi mesi fa, un virus ha messo in ginocchio il mondo intero. Il delirio di onnipotenza dell’uomo che crede di controllare tutto è svanito in un momento. Siamo stati tutti presi dall’angoscia, dal terrore.

Abbiamo vissuto giorni e giorni chiusi nelle nostre case, senza avere nessun contatto con l’esterno e con una domanda che ronzava nella mente: “Cosa ne sarà di noi?”

All’improvviso lo squillo di un telefono. Dall’altro capo una voce amica che chiede generi di prima necessità.

Alzato lo sguardo al cielo, abbiamo chiesto al Signore di donarci uno spirito di profonda cortesia, delicatezza e rispetto, così da farci avvicinare al nostro prossimo come avremmo fatto con Lui.

Siamo partiti subito, dai primi giorni e con pochi spiccioli, sollevando dall’angoscia tanti fratelli messi in ginocchio dalla nuova condizione di vita.

A partire da quel giorno abbiamo distribuito viveri, comprato medicinali e detersivi, pagato bollette, offerto compagnia e sostegno psicologico a quanti erano soli, abbiamo attivato sul canale social Whatsapp #lasciaunminutoeprega e #unaletturapermeditare, abbiamo pregato sui balconi, consegnato pannolini e distribuito dolci.

Il tutto nell’assoluto rispetto delle regole e della dignità di tutti (Abbiamo fatto tutto a telefono e le consegne sono state fatte dagli esercenti del paese, nel totale riserbo).

Il nostro ringraziamento va ai gruppi Liberi di scegliere e Esserci, agli imprenditori, ai professionisti, agli esercenti e alle tante persone di buona volontà che hanno abbracciato, con gioia, il nostro avvicinarci a persone che mai avrebbero avuto il coraggio di denunciare le loro difficoltà.

Fondamentale è stato sollevare lo sguardo al cielo, al Signore. È Lui che ci ha dato la forza di trasformare questo tempo buio in tempo di grazia.

Ancora grazie a tutti di vero cuore.

Il presidente Rosalia Storelli

I numeri delle nostre attività